Cos’è il CAT

Dopo il diploma CAT è necessario svolgere un periodo di tirocinio della durata di 18 mesi presso uno studio professionale di un geometra, di un architetto o di un ingegnere, a conclusione del quale si può sostenere l’esame di Stato per l’abilitazione alla libera professione.

Una volta abilitato il tecnico delle Costruzioni, Ambiente e Territorio può svolgere:

  • Attività di progettazione in ambito civile, industriale e rurale;
  • Gestione di cantiere in ambito Pubblico e Privato (Direzione lavori, Contabilità lavori);
  • Attività di misurazione e rappresentazione del territorio e delle strutture edilizie esistenti (rilievi topografici, accatastamenti…);
  • Attività gestionali relative ai consorzi;
  • Funzioni tecniche ed amministrative relative alle costruzioni (stime, valutazioni immobiliari, perizie legali e assicurative, consulenze del Giudice …);
  • Attività di certificazione normativa in diversi ambiti (sicurezza nei cantieri, prevenzione degli incendi…);
  • Attività amministrative del patrimonio edilizio (amministrazione condominiale, gestione immobiliare…);
  • Attività di mediatore nei processi di mediazione civile obbligatoria per la risoluzione delle controversie negli ambiti definiti dalla legge (condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, locazione …);
  • Attività di consulenza in ambito di fiscalità e tributi nelle attività edilizie e nella gestione di patrimoni immobiliari.

indietro

Di cosa si occupa il CAT
Il piano di studi
Competenze del diplomato CAT
Dopo il diploma